Whatsapp Marketing – La chat come strumento di business

Dal 2017 Whatsapp è la più popolare app di messaggistica al mondo.

Mobile first. Con più di 1 miliardo 600 milioni di utenti al mondo che ogni giorno si scambiano 1 miliardo di video, 4,5 miliardi di foto e 80 milioni di GIF Whatsapp è l’applicazione più forte in 104 paesi.

Le potenzialità di un’applicazione così virale in ottica business sono molteplici perché Whatsapp, la cui popolarità è comprensibilmente nota, permette messaggi semplici e istantanei che mettono in  comunicazione l’utente non sono con amici e parenti ma anche con i brand (dai grossi marchi alle realtà più locali).

L’individualità della comunicazione è infatti caratteristica rilevante di Whatsapp e permette un contatto diretto con le aziende che denota trasparenza e vicinanza, elementi fondamentali perché l’end-user percepisca un rapporto di fiducia e per costruire relazioni solide e durature.

Il libro tratta la piattaforma sotto diversi aspetti: spiega come creare un account; analizza le differenze tra Facebook Messenger e Whatsapp;  descrive come migliorare la reputazione e la fiducia; presenta una serie di casi di successo di aziende che hanno incrementato le loro vendite introducendo Whatsapp e tocca alcune delle strategie che possono essere utilizzate per l’ottimizzazione della campagna a livello locale.

Non consigliata ai professionisti del marketing, Whatsapp Marketing è una guida per piccoli imprenditori e amanti del digitale, una lettura veloce e pratica per conoscere un trend ancora in forte ascesa e condividere spunti e consigli per ottimizzare l’utilizzo della piattaforma.

Whatsapp Marketing – Conquista i tuoi clienti conb la doppia spunta blu

Editore: Dario Flaccovio

Uscita: 2019

Autori: Alessandra Gallucci, Maria Rosaria Gallucci

Acquista su Amazon

Acquista su Dario Flaccovio

 

 

 

Nota: i libri presentati nella rubrica Recensioni sono stati inviati alla redazione dalle case editrici o dagli autori. La recensione è gratuita e indipendente. BusinessWeekly ottiene una piccola commissione sugli acquisti effettuati su Amazon, senza che ciò cambi il prezzo per l’utente finale.