Branded content – La sinergia tra cultura e brand

Oggigiorno il target non si deve colpire, si deve conquistare.

La pubblicità tradizionale, quella che irrompe nella quotidianità delle persone per imporre loro un messaggio di promozione, non è più efficace se non viene affiancata e supportata da altri strumenti.

Entra così in gioco il branded content, un contenuto creato ad hoc per gli utenti al fine di raccontare e rappresentare i valori di un marchio e dei suoi relativi prodotti senza parlarne esplicitamente. Caratterizzato dall’assenza di una immediata associazione fra brand e prodotto, il branded content si differenzia dal classico modo di fare pubblicità, scegliendo di essere meno intrusivo e ripetitivo.

Branded content – Studi, casi, esempi nel contesto italiano di Chiara Landi approfondisce esattamente questo tema, fornendo un quadro del fenomeno a 360° ricco di esempi utili e contemporanei (tutti appartenenti al contesto italiano).

La lettura è scorrevole, il linguaggio chiaro e i contenuti molto coinvolgenti per chi interessato al mondo del digital o del content marketing. Inoltre, nonostante l’argomento venga affrontato senza troppi giri di parole, il risultato é assolutamente esaustivo e, per facilitare la comprensione delle tematiche, l’argomento viene diviso in tre parti:

·    origini ed evoluzione del branded content e le vari tipologie a confronto;

·    analisi della fruizione in Italia;

·    sondaggi e opinioni ai professionisti del settore sul fenomeno.

Branded content è un manuale pratico da cui prendere spunto e ispirazione grazie ai numerosi approfondimenti e all’analisi di casi studio concreti. Imperdibile per tutti coloro che lavorano nel settore.

Branded content – Studi, casi, esempi nel contesto italiano

Editore: Carocci Editore

Uscita: 2019

Autore: Chiara Landi

Acquista su Amazon

Acquista su Carocci Editore

 

Nota: i libri presentati nella rubrica Recensioni sono stati inviati alla redazione dalle case editrici o dagli autori. La recensione è gratuita e indipendente. BusinessWeekly ottiene una piccola commissione sugli acquisti effettuati su Amazon, senza che ciò cambi il prezzo per l’utente finale.