Troppi satelliti in orbita, la preoccupazione degli astronomi

spacex satelliti astronomiTroppi satelliti in orbita. Gli astronomi lanciano l’allarme. Sotto accusa in particolare ci sono i satelliti Starlink. Si tratta di migliaia di satelliti per le telecomunicazioni in orbita bassa, hanno l’obiettivo di portare Internet in tutto il mondo con una potenza di segnale senza precedenti. Sono già numerose le fotografie e i video che gli astronomi hanno fatto ai satelliti SpaceX in cielo.

I satelliti Starlink nel mirino degli astronomi

Starlink, la flotta di 60 satelliti di SpaceX che promette di portare l’accesso a Internet ultraveloce anche negli angoli più remoti del Pianeta, ha attirato l’attenzione degli appassionati del cielo. Non solo per la novità del progetto (firmato da Elon Musk, cofondatore e Amministratore Delegato di Tesla) ma anche per la loro luminosità.
Ad oggi sono circa 18 mila gli oggetti celesti più grandi di 10 cm monitorati in orbita bassa. Tra questi si contano 2.000 satelliti attivi. SpaceX ha l’obiettivo di portare 12 mila satelliti in orbita entro la metà del 2020. Numeri impressionanti ai quali nessuno è abituato. Alcuni osservatori sono rimasti stupiti. Parte della comunità scientifica si chiede quale sia lo scopo di avere una serie di satelliti visibili in orbita.

La risposta di Elon Musk

L’amministratore delegato di SpaceX, Elon Musk, ha risposto alla questione. Musk he scritto sui social che i futuri satelliti per le comunicazioni Internet Starlink saranno meno luminosi. I team di tecnici infatti abbasseranno la loro riflettanza in modo che la luce non interferisca con altri dispositivi, come i telescopi. Elon Musk ha confermato che, una volta raggiunta l’orbita finale, la costellazione Starlink non rappresenterà un problema per le ricerche astronomiche.