TikTok, l’app che sta spopolando nell’adv e nella politica

TikTok è il social network del momento. Piace ai giovanissimi… e anche alla politica

TikTokCos’è TikTok

TikTok è un’app che arriva dalla Cina. è stata creata da Zhang Yiming nel settembre del 2016. È nata come una piattaforma di video musicali amatoriali, ma ha poi allargato il suo bacino a tutti i tipi di video brevi. L’app consente agli utenti di guardare clip musicali, creare brevi clip fino a un massimo di 60 secondi, modificare e aggiungere effetti speciali a piacere. In Italia è arrivato poco più di un anno fa, dall’unione con musical.ly. Due app simili che, invece di competere tra loro, nel 2018 hanno annunciato una fusione per dare vita a una piattaforma di creazione di contenuti unica.

I numeri di TikTok

TikTok è oggi in oltre 150 Paesi e tradotta in ben 75 lingue ed è diventata, in pochissimo tempo, la piattaforma preferita per chi vuole esprimersi attraverso brevi contenuti video, della durata di 15 secondi, direttamente dal proprio smartphone. A livello globale, conta già quasi 1 miliardo di utenti (la maggior parte in Cina, poi 100 mln negli Usa e 250 mln in India) e nel mese di settembre 2019 è risultata essere l’app più scaricata in assoluto.

TikTok come veicolo di creatività

La vera forza di TikTok, oltre all’aver messo a disposizione uno strumento di editing semplice e immediato, è però la sua community fatta di persone che hanno trovato nell’applicazione lo strumento per far esplodere la propria creatività ed emergere il proprio talento come ad esempio i creator Gabriele Vagnato, Cecilia Cantarano, Vincenzo Tedesco e Daniele Davì che sono nati artisticamente proprio sulla piattaforma.
Nell’ultimo anno, Tik Tok è stata scelta da diversi talent show. Italia’s Got Talent con la challegne #igtchallenge, che ha avuto ben 34 milioni di visualizzazioni, Zelig con #tiktokzelig (24 milioni di visualizzazioni) e infine Xfactor con #xf12inediti (20 milioni di visualizzazioni).

TikTok nell’adv…

Nike è stato uno dei primi brand a lanciare una challenge su TikTok e ad oggi ne ha veicolate ben tre: #theshadowboxer, #lightingfeet e #basketbeat. Non da meno è stata Vodafone con il progetto #shakeiteasy. Del resto una buona strategia di marketing non può esimersi dall’approcciare la piattaforma più indicata per il pubblico al quale si è interessati. Questa è adatta a parlare a un target molto giovane, tra i 14 e i 16 anni.

salvini tiktok…e nella politica

Tra gli utilizzatori più entusiasti di TikTok ci sono teenager poco più che bambini e adolescenti, che la utilizzano con una tale costanza da averla trasformata quasi in una ossessione. Per questo motivo ha creato molto scalpore il fatto che Matteo Salvini abbia aperto un profilo e sia stato il primo politico a sbarcare sul social. Cosa c’entra un leader politico su quest’app cinese? Poco o niente, eppure la comunicazione politica ora passa anche da lì. Si apre un nuovo capitolo del rapporto tra politica e social. Il leader leghista ha postato contenuti a tema politico, nonostante il social non lo preveda. All’arrivo di Salvini, gli utenti del social nato in Cina si sono scatenati: non vogliono la politica su TikTok, dove prevalgono leggerezza e divertimento. Al debutto ha toccato due argomenti cari alla sua propaganda politica: il rispetto per le forze dell’ordine e il tema dell’immigrazione. I suoi primi nove video postati hanno registrato quasi 42mila seguaci. I “mi piace” sono stati più del doppio: circa 92 mila. Il leader della Lega punta così agli elettori del futuro?