Osservatorio fallimenti: si fallisce di meno ma crescono i ritardi di pagamento

I giorni di ritardo di pagamento aumentano in Lombardia, Emilia Romagna e Piemonte, si mantengono stabili in Veneto dove però aumentano i fallimenti

osservatorio fallimenti e ritardo pagamentiL’ultimo Osservatorio di Cerved e Assolombarda rileva che nel primo semestre 2019 sono stati aperti in Lombardia oltre 1.200 fallimenti. Un numero in calo del -7,3% rispetto al primo semestre 2018. Anche nelle altre regioni esaminate prosegue la contrazione dei fallimenti, fatta eccezione per il Veneto: in Emilia-Romagna e in Piemonte la riduzione è rispettivamente del -3,2% e del -15,8%, mentre in Veneto si osserva una crescita del +10,4%.

Fallimenti e settori economici

Con riferimento ai principali settori economici, si evidenzia una considerevole diminuzione nelle costruzioni (-21,5%) e, in misura più contenuta, nell’industria (-5,0%) e nei servizi (-3,3%).

Aumentano le liquidazioni volontarie

Per il quarto trimestre consecutivo è anche aumentato il numero di imprenditori che decidono volontariamente di chiudere attività in bonis. In base alle stime nel terzo trimestre del 2019 hanno avviato una liquidazione volontaria circa 12 mila società, il 6,2% in più rispetto allo stesso periodo del 2018. Complessivamente, sono state avviate 42 mila liquidazioni volontarie tra gennaio e settembre 2019. In crescita del 4,1% su base annua. Significativi gli aumenti di Liguria (+14,3%), Piemonte (+12,2%) e Emilia-Romagna (+9,4%). In forte aumento anche il numero di procedure non concorsuali, che nel terzo trimestre è passato da 271 a 335 (+23,6%), portando il totale dei casi aperti tra gennaio e settembre a quota 1.047 (+3,7% su base annua). Il peggioramento è dovuto a un forte aumento dei concordati preventivi, che dopo aver toccato un minimo, sono cresciuti del 13,7% su base annua.

I tempi di pagamento

I tempi di pagamento delle imprese lombarde sono pari a 70,7 giorni, in aumento rispetto ai 68,9 del primo semestre 2018. L’incremento dei giorni di liquidazione delle fatture è dovuto a una crescita sia dei tempi medi di ritardo (da 10 a 11,2) sia del periodo concordato al momento della fatturazione (da 58,9 a 59,5). Sul fronte dimensionale, in Lombardia nel primo semestre 2019 si osserva un incremento dei tempi di pagamento per micro (da 56,7 a 58,7 giorni), medie (da 69,5 a 70,6) e grandi imprese (da 77,6 a 80,5 giorni), mentre i tempi di pagamento delle piccole imprese rimangono stabili a 64,9 giorni. L’incidenza dei gravi ritardi in Lombardia si attesta ben sotto il 4% (3,6%), così come in Emilia-Romagna (3,8%) e in Veneto (3,4%). In Piemonte, invece, la quota percentuale di ritardi gravi è più elevata (4,9%) seppur leggermente in calo.