Legge di Bilancio 2020, tutte le novità per le aziende

In attesa del voto definitivo della camera, ricapitoliamo quali saranno le novità principali per le imprese introdotte dalla Legge di Bilancio 2020

Dopo il voto del Senato, manca poco per il via libera definitivo, atteso entro il termine ultimo del 31 dicembre. Lotta all’evasione fiscale, riduzione del cuneo fiscale, green economy. Sono questi i pilastri sui quali ruota la Manovra economica 2020. Ma anche neutralizzazione dell’aumento dell’IVA, revisione delle deduzioni e delle detrazioni fiscali, stabilizzazione per APE social, proroga di opzione donna.

Addio a super e iper ammortamento

Cambiano gli incentivi per l’acquisizione di beni strumentali da parte delle aziende. I due incentivi di super e iper ammortamento non ci saranno più. Al loro posto, un credito d’imposta.

Ritenute fiscali negli appalti

Cambiano gli obblighi per i committenti e per gli appaltatori. Le novità riguardano gli appalti di importo annuo superiore a 200.000 euro a un’impresa, tramite contratti di appalto, subappalto, affidamento a soggetti consorziati o rapporti negoziali comunque denominati caratterizzati da prevalente utilizzo di manodopera.

Estensione del reverse charge IVA

Viene prevista l’estensione dell’applicazione del meccanismo del reverse charge a tutte le prestazioni di servizi effettuate tramite contratti di appalto e subappalto, affidamento a soggetti consorziati o rapporti negoziali comunque denominati caratterizzati da prevalente utilizzo di manodopera presso le sedi di attività del committente, con utilizzo di beni strumentali di proprietà di quest’ultimo o ad esso riconducibili.

Riduzione del cuneo fiscale

Misura cardine della Manovra è poi il taglio del cuneo fiscale, per il quale la Legge di Bilancio 2020 si limita essenzialmente a stanziare risorse pari a 3.000 milioni di euro per l’anno 2020 e 5.000 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2021.

Bonus assunzione apprendisti

Con il fine di ridurre il costo del lavoro debutterà dal 2020 il nuovo bonus per l’assunzione di apprendisti di primo livello, pari al 100% ma solo per le imprese con meno di 9 dipendenti.

Sgravio contributivo per under 35 prorogato al 2020

Previsto anche per il 2020 lo sgravio contributivo alle aziende che assumono giovani fino a 34 anni con contratto a tempo indeterminato. La misura riduce del 50% i contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, con esclusione dei premi INAIL, fino al limite annuo di 3 mila euro, per un periodo massimo di 36 mesi.

Piani di risparmio a lungo termine (Pir)

Per i piani di risparmio individuale (Pir) costituiti dal 1° gennaio 2020, le somme o i valori destinati al PIR devono essere per almeno il 70% investiti, direttamente o indirettamente, in strumenti finanziari anche non negoziati in mercati regolamentati o nei sistemi multilaterali di negoziazione. Il restante 30% dovrà essere indirizzato all’economia reale.

Utilizzo dei file delle fatture elettroniche

La Legge di Bilancio 2020 prevede che i file delle fatture elettroniche siano memorizzati fino al 31 dicembre dell’ottavo anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione di riferimento oppure fino alla definizione di eventuali giudizi, al fine di essere utilizzati sia ai fini fiscali che per finalità di indagini di polizia economico-finanziaria da parte della Guardia di Finanza e dell’Agenzia delle Entrate.

Esterometro

Cambia la periodicità di presentazione della comunicazione dati relativi alle operazioni di cessione di beni e di prestazione di servizi effettuate e ricevute verso e da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato (c.d. esterometro). L’attuale trasmissione mensile lascia il posto a quella trimestrale.

Novità in materia di reati penal-tributari

Chiunque indichi in una delle dichiarazioni annuali relative alle imposte sui redditi o IVA, elementi attivi per un ammontare inferiore a quello effettivo o elementi passivi inesistenti, è punito con la reclusione da 2 a 4 anni e sei mesi (e non più da due a cinque anni). Disposta la non punibilità in caso di dichiarazione infedele dipendente da valutazioni che, complessivamente (e non più singolarmente), differiscono in misura inferiore al 10% da quelle corrette. Viene innalzata la pena prevista per chiunque omette di presentare una delle dichiarazioni annuali e l’imposta evasa è superiore ai 50.000 euro.

Utilizzo del contante

Viene ridotta la soglia che limita le transazioni in denaro contante che possono essere effettuate al di fuori del circuito degli intermediari bancari e finanziari abilitati. Vietato il trasferimento di denaro contante e di titoli al portatore in euro e in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, siano esse persone fisiche o giuridiche. Dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021 per un valore complessivo pari o superiore a 2.000 euro. S decorrere dal 1° gennaio 2022 per un valore complessivo pari o superiore a 1.000 euro.