Gli Influencer aumentano davvero le vendite

I social e gli influencer sono effettivamente fonte di ispirazione per gli acquisti e non solo

influencerIl 68% degli utenti social media in Italia ha tra i propri interessi quello di seguire influencer e celebrity. Un dato che sale all’82% tra i più giovani (16-24 anni), per i quali gli influencer sono una vera e propria fonte d’ispirazione, non solo nei comportamenti ma anche per gli acquisti. Lo rilevano i dati dell’Osservatorio Influencer Marketing di Ipsoa e Flu.

Instagram è il regno degli influencer

Il rapporto dell’OIM ci dice che il 40% degli utenti social media in Italia condivide abitualmente contenuti pubblicati da altri; il 38% commenta foto, video e post, fino all’azione più personale dello scrivere o pubblicare un proprio contenuto foto o video (36%). Tra questi sono le donne (74%) gli utenti più attivi e più predisposti a seguire i canali ufficiali dei brand e dei personaggi celebri sui social.
Instagram, che conferma la sua crescita, non solo è il social network preferito dalla fascia più giovane di intervistati (66%), ma è il regno degli influencer e delle loro storie.

Un modello da seguire

Il 62% degli utenti segue sui social persone o personaggi che trattino tematiche specifiche di proprio interesse. Il 49% degli intervistati conferma, infatti, di considerare come veri influencer persone meno conosciute al largo pubblico. Ne seguono sia contenuti personali in cui raccontano la loro quotidianità, sia contenuti di natura più commerciale in cui promuovono o consigliano specifici prodotti o servizi.
Ma se per gli utenti over 25 anni le stories e i post degli influencer soddisfano la curiosità, per i giovani tra i 16 e i 24 anni gli influencer incarnano un punto di riferimento per le proprie passioni (32%). Infine per il 23% degli utenti di questa fascia d’età gli influencer sono più di un punto di riferimento, costituiscono un vero e proprio modello da seguire, il 16% instaura con loro un vero e proprio rapporto di fiducia.

Le conseguenze sugli acquisti

Due italiani su tre hanno comprato più volte qualcosa che è stato promosso dagli influencer che seguono. Non si tratta però di acquisti d’impulso. Il personaggio influente sa avviare il percorso d’acquisto dei propri follower e di creare il desiderio nel consumatore spingendolo a cercare informazioni su un certo prodotto, servizio o marca. Sul web si crea un rapporto di fiducia e rispetto reciproco con i propri follower così profondo da poter agire sui processi di acquisto del consumatore.