Evasione fiscale: benzina e gasolio nel mirino dei controlli

Tra le priorità nella lotta all’evasione fiscale in questa manovra economica il Governo ha indicato la lotta alle frodi sui carburanti
evasione fiscale benzina e gasolioNel 2017 si stima che le accise su benzina e gasolio abbiano fatto incassare 19,4 miliardi in meno rispetto al dovuto, equivalenti al 10,7% del gettito teorico. Per il gasolio si arriva al 14,3%. Sono percentuali doppie rispetto a quelle del 2012. Il gettito mancante (cosiddetto tax gap) non è dovuto solo alle frodi ma anche alle agevolazioni fiscali sul gasolio. Ma queste ultime sono rimaste pressoché costanti, per cui il boom è stato causato proprio dalle frodi.

Un mercato con tanta evasione

In un mercato molto libero in cui il marchio tende a non fare la differenza nelle preferenze dei consumatori, spesso vince chi pratica prezzi bassi. La via più facile per praticarli è proprio quella dell’evasione fiscale. Non solo delle accise, ma anche dell’Iva. Procurarsi sui mercati internazionali benzina e gasolio a basso prezzo non è un problema: basta andare nell’Est Europa, soprattutto in Polonia. Qui le accise sono bassissime. Si spiega così il traffico incessante di autocisterne cariche verso l’Italia. Quando invece l’evasione riguarda l’Iva, è ancora più difficile individuare la frode. Ma inchieste del passato hanno documentato anche flussi di prodotti rubati trapanando oleodotti o frutto di traffici in zone di guerra come la Libia.

I rischi di utilizzare benzina e gasolio di contrabbando

Che si tratti di prodotti semplicemente acquistati nell’Est Europa o trafugati in altre aree, il rischio per i consumatori è quello di mettersi nel serbatoio qualcosa che può compromettere il motore.
La Nadef denuncia che i prodotti contrabbandati sono «composti da miscelazioni dei gasolio e oli di diversa natura che, seppur qualificabili fiscalmente come oli lubrificanti…mantengono caratteristiche chimiche analoghe a quelle del gasolio, consentendo l’impiego del prodotto quale carburante per motori». Le caratteristiche chimiche analoghe al gasolio consentono agli organi di controllo di argomentare che l’accisa va applicata lo stesso e consente ai motori di funzionare.