Editoria, la stampa conferma i suoi lettori e cresce nel digitale

I nuovi dati Audipress 2019/II

stampaLa stampa registra performance positive di quotidiani e mensili (+0.4% e +0.2% rispetto ai lettori della scorsa rilevazione). Rimane stabile la readership dei settimanali (-0.2%). Forte la crescita nella fruizione delle copie digitali in tutti i comparti editoriali (complessivamente +4.6%).

La stampa in Italia raggiunge ogni mese il 75% della popolazione

Circa 40 milioni di individui che la scelgono e l’acquistano riconoscendola come importante e attendibile riferimento. Positivi i risultati della stampa in un contesto sociale caratterizzato da una complementarietà di mezzi di comunicazione e pluralità di esposizione.
Considerando le principali testate italiane, su carta o digitale, ogni giorno si raggiungono in media quasi 24 milioni di letture per i quotidiani (per 15.909.000 lettori). Ogni settimana più di 22 milioni di letture per le testate settimanali (per 13.253.000 lettori). E ogni mese quasi 20 milioni di letture per le testate mensili (per 11.818.000 lettori).

La stampa è ancora presente nella dieta mediatica degli italiani

I dati Audipress 2019/II sono stati approvati il 25 settenbre dal Consiglio di Amministrazione sotto la presidenza di Ernesto Mauri. Confermano quanto sia presente la lettura della stampa nella dieta mediatica degli italiani in un contesto sempre più caratterizzato dall’integrazione tra i media.I dati Audipress 2019/II sono il risultato dell’indagine ufficiale per la lettura della stampa quotidiana e periodica in Italia. La ricerca è stata condotta su un campione rappresentativo della popolazione italiana di 14 anni e oltre. Per questa edizione sono state eseguite 39.008 interviste, condotte con il sistema CAPI Doppio Schermo, lungo un calendario di rilevazione di 38 settimane complessive, dal 10 settembre 2018 al 14 luglio 2019.