Edilizia, cambiano le disposizioni in materia di efficienza energetica

Un nuovo decreto legislativo punta ad accelerare la ristrutturazione degli edifici esistenti in ottica di maggiore efficienza energetica
efficienza energetica nuovo decreto legislativoL’ efficienza energetica in edilizia in Italia entro marzo 2020 avrà un nuovo decreto legislativo. Cambiano le disposizioni: il nuovo decreto legislativo di Attuazione della direttiva (UE) 2018/844 modifica la direttiva 2010/31/UE sulla prestazione energetica nell’edilizia e la direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica. Il dl è stato approvato nel Consiglio dei Ministri del 29 gennaio e contiene svariate disposizioni di interesse per i professionisti tecnici e, in generale, per le aziende che lavorano nella filiera edile.

Le novità principali

La direttiva oggetto di recepimento ha l’obiettivo di accelerare la ristrutturazione degli edifici esistenti. Di integrare le strategie di ristrutturazione del settore edilizia a lungo termine per favorire la mobilitazione di risorse economiche e la realizzazione di edifici a emissioni zero entro il 2050. Di promuovere l’uso delle tecnologie informatiche e intelligenti (ICT) per garantire agli edifici di operare e consumare in maniera quanto più efficiente. E di dare un impulso alla mobilità elettrica con l’integrazione delle infrastrutture di ricarica.

Dalla domotica alla mobilità elettrica

La nuova direttiva promuove l’installazione di sistemi di automazione e controllo degli impianti tecnologici presenti negli edifici (domotica), anche come alternativa efficiente ai controlli fisici. Favorisce inoltre lo sviluppo infrastrutturale della rete di ricarica nel settore della mobilità elettrica. Prevede poi l’introduzione di un indicatore che indichi la possibilità dell’edificio all’utilizzo di tecnologie smart.
Per quanto riguarda lo sviluppo di infrastrutture per la mobilità elettrica, sono introdotti dei requisiti da rispettare nelle nuove costruzioni e nelle ristrutturazioni importanti, prevedendo in particolare l’istallazione di un numero minimo di punti di ricarica o la loro predisposizione.

La certificazione APE

Il dl ribadisce l’importanza dell’APE (Attestato di prestazione energetica) nei contratti di compravendita immobiliare, negli atti di trasferimento di immobili a titolo oneroso e nei nuovi contratti di locazione di edifici o di singole unità immobiliari soggetti a registrazione. Per la mancata presenza dell’APE, il pagamento delle sanzioni non esclude l’obbligo di presentare alla regione o provincia autonoma competente la dichiarazione o la copia entro 45 giorni. In caso di omessa dichiarazione, scatta la sanzione amministrativa da euro 3.000 a euro 18.000. La sanzione è da euro 1.000 a euro 4.000 per i contratti di locazione di singole unità immobiliari. Se la durata della locazione non eccede i tre anni, è ridotta alla metà.

Nuove regole per gli incentivi energetici

Gli incentivi adottati dallo Stato, dalle regioni e dagli enti locali per promuovere l’efficienza energetica degli edifici in occasione della ristrutturazione degli edifici, saranno commisurati ai risparmi energetici perseguiti o conseguiti. Il monitoraggio dei risparmi energetici sarà effettuato dalla medesima autorità che concede l’incentivo.

I requisiti di operatori e installatori

Inoltre, con decreto del Ministro dello sviluppo economico sono stabiliti i requisiti degli operatori che provvedono all’installazione degli elementi edilizi e dei sistemi tecnici per l’edilizia. Sarà considerato il livello di formazione professionale, conseguito anche attraverso corsi specialistici e certificazioni. Decorsi 180 giorni dalla data di entrata in vigore del nuovo decreto, gli incentivi saranno concessi a condizione che i sistemi siano stati installati da un operatore in possesso dei requisiti.

Il Portale Nazionale sulla prestazione energetica degli edifici

Viene istituito, presso l’ENEA, il Portale Nazionale sulla prestazione energetica degli edifici. Ha lo scopo di fornire ai cittadini, alle imprese e alla Pubblica Amministrazione informazioni sulla prestazione energetica degli edifici. Il portale presenterà le migliori pratiche per le riqualificazioni energetiche efficaci in termini di costi. E spiegherà quali sono gli strumenti esistenti per migliorare la prestazione energetica degli edifici.