Consultare fatture elettroniche ora è possibile, ecco come fare

Ecco tutte le date importanti e i consigli per usufruire del nuovo servizio
Consultare fatture elettronicheConsultare fatture elettroniche ora è possibile. Dal 1 luglio al 31 ottobre è possibile aderire al Servizio di consultazione e scarico del file XML della fattura elettronica che l’Agenzia delle entrate ha messo a disposizione per i professionisti e le imprese. Si può così accedere all’archivio delle e-fatture emesse a partire dal 1 gennaio 2019.

Come aderire e consultare fatture elettroniche

A partire dal 1 luglio 2019, sul portale “Fatture e Corrispettivi” dell’Agenzia delle Entrate, c’è un’apposita funzionalità che permetterà a ciascun soggetto IVA dotato di accesso ai servizi dell’Agenzia.
Bisogna autenticarsi mediante credenziali Fisconline o Entratel, CNS o SPID. Oppure saranno agli intermediari fiscali (commercialisti etc.) opportunamente delegati, che possono aderire al nuovo “Servizio di consultazione e scarico del file XML della fattura elettronica”.

Il servizio è gratuito ed è accessibile direttamente dal sito dell’Agenzia delle Entrate; gli operatori IVA o i loro delegati (come i commercialisti) potranno accedere dal giorno dopo l’iscrizione, mentre i privati cittadini avranno accesso all’archivio solo a partire dal 1 novembre. Per entrambe le categorie è necessaria comunque l’attivazione della funzionalità dall’interno del profilo sul portale.

Cosa succederà dopo il 31 ottobre

Il termine ultimo per registrarsi al nuovo servizio dell’Agenzia delle Entrate è il 31 ottobre, sia per gli operatori IVA che per i privati cittadini. Nel caso in cui si effettuasse la registrazione dopo tale termine non sarà più possibile consultare le fatture elettroniche emesse tra il 1 gennaio 2019 e il 31 ottobre 2019, ma solo quelle dalla data successiva al giorno di registrazione. L’Agenzia delle Entrate provvederà a eliminare le fatture entro il 30 dicembre 2019 nel caso in cui non ci si registri nei tempi utili.