Una PEC anche per le ditte individuali

Il Decreto Sviluppo bis stabilisce che la PEC sarà obbligatoria anche per le ditte individuali, pena la sospensione della domanda a Registri e Albi.

pecL’indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC), creato per agevolare le comunicazioni tra imprese, professionisti e Amministrazioni Pubbliche e dare valore legale alle mail, ora è obbligatorio anche per le ditte individuali.

Il vincolo è entrato in vigore dal 21 ottobre 2012, insieme al Decreto Crescita che lo ha definito.

Quindi per chi è intenzionato ad aprire un’impresa individuale dovrà, in fase di iscrizione al Registro delle Imprese o all’Albo delle imprese artigiane, comunicare il proprio indirizzo PEC.

Le società che non forniranno il proprio indirizzo  di Posta Elettronica Certificata vedranno sospesa la propria domanda di iscrizione al Registro Imprese.

Per le aziende individuali già iscritte c’è tempo fino al 31 dicembre 2013 per dotarsi di un indirizzo PEC. Quest’obbligo è una novità, poichè finora riguardava solo professionisti e società private e pubbliche.

Il Ministero per lo Sviluppo Economico entro il 2013 stilerà un elenco di tutti gli indirizzi PEC di imprese, professionisti e Amministrazioni Pubbliche, consultabile dagli stessi soggetti facenti parte di tale elenco.

L’inclusione delle imprese individuali nel vincolo di legge significa estendere l’utilizzo della posta elettronica certificata praticamente a tutti i soggetti con attività d’impresa, esclusi i dipendenti e i privati cittadini.