Un esame del sangue per identificare il rischio ictus?

La startup POCKiT Diagnostics ha ottenuto un finanziamento per commercializzare negli USA un nuovo esame del sangue per diagnosticare ictus potenzialmente fatali.

La giovane azienda è stata scelta per guidare un programma di ricerca e sviluppo di quasi 1 milione di sterline finanziato da Innovate UK, ma oltre a questo POCKiT sta raccogliendo ulteriori fondi.

L’analisi del sangue diagnostica il sottotipo di ictus cerebrale subìto in una frazione del tempo normalmente impiegato, accelerando il trattamento corretto e riducendo i costi umani, sociali e finanziari degli ictus.

Cosa sono gli ictus e come si curano

Gli ictus cerebrali sono la terza principale causa di morte e la principale causa di disabilità fisica e demenza in tutto il mondo. Colpiscono 100.000 persone all’anno nel solo Regno Unito, quasi 2 milioni di casi nell’UE, con due terzi dei malati che lasciano l’ospedale con grave disabilità. Questo problema è destinato ad aumentare con l’invecchiamento della popolazione, con un aumento del 44% dei casi di ictus previsti entro il 2035.

Durante un ictus il cervello viene danneggiato da un flusso sanguigno limitato, causando la morte delle cellule cerebrali. Esistono due tipi principali di ictus: ictus ischemico (IS) e emorragia intracerebrale (ICH). Mentre hanno sintomi simili, il trattamento per ciascuno è completamente diverso, e il tipo sbagliato di trattamento spesso si rivela fatale.

Il tempo è un altro fattore critico. Se il trattamento corretto viene somministrato abbastanza velocemente, il paziente può riprendersi con poco o nessun danno al cervello. Sfortunatamente, il trattamento è spesso ritardato mentre i pazienti vengono trasportati in ospedale.

La diagnostica POCKiT

La diagnostica POCKiT “ha scoperto nuovi biomarcatori che si trovano nel sangue del paziente dopo un ictus. L’analisi del sangue può essere eseguita dal personale di ambulanza / primo soccorritore e il trattamento appropriato può essere determinato e consegnato in un periodo di tempo più breve all’arrivo in ospedale, riducendo il tempo medio di trattamento in 90 minuti.”

“Guardando al futuro, i nostri mercati principali sono gli Stati Uniti e l’Europa. I paesi sviluppati dispongono già di una struttura per la gestione dell’ictus, che rende il nostro test uno strumento perfetto per migliorare l’assistenza.” ha dichiarato il CEO di POCKiT.

“La sovvenzione di Innovate UK è un progetto di due anni che durerà fino a dicembre 2020. Abbiamo già raccolto oltre £ 100.000 in investimenti dal fondo Cambridge Enterprise and Creator.”