Smart Working, lavoro sviluppato tra flessibilità, fiducia e focus

Lo smart working, definito anche “lavoro agile”, modella le logiche aziendali sulla base di una nuova modalità di lavorare, mirata ad apprezzare ed a considerare maggiormente il punto di vista del collaboratore, valutandolo come figura essenziale nel processo produttivo.

smart workingTale visione della professione, però, si applica soltanto ad una parte del tessuto aziendale, come quella del servizio IT, tralasciando la totalità dell’attività, la quale sarebbe molto complessa da sviluppare all’interno di realtà applicate a settori produttivi e manufatturieri.

L’area risorse umane e tutto il management aziendale sono i poli più coinvolti per una politica efficace di smart working: questa, infatti, punta su tre caratteristiche fondamentali per un lavoro agile, ovvero la Flessibilità, la Fiducia ed il Focus – le tre “F” dello smart working.

Partendo dalla Flessibilità, si può dire che questa peculiarità lavorativa è molto favorita dal dislocamento lavorativo messo in atto dalla tecnologia, naturalmente in riferimento all’utilizzo di smartphone, tablet e pc portatili, che permettono di essere sempre in linea con ciò che sta accadendo in azienda nonostante la distanza con l’ufficio, oppure, pià semplicemente, di finire i propri compiti da casa. Questo fattore di “produttività mobile” permette di poter svolgere la propria occupazione in luoghi diversi dalla propria postazione, guadagnando in benessere e soddisfazione personale.

Passando alla Fiducia, si può affermare che più le mansioni dei propri collaboratori corrispondono a responsabilità elevate e più ci si fida di loro, di conseguenza c’è la possibilità di creare un contesto di autonomia e libertà in un contesto di rapporto verticale, che implica una modalità diversa di misurazione dei risultati ottenuti da parte dell’azienda, senza mai perdere di vista i propri obiettivi.

Per quanto riguarda, infine, il Focus, si può dire che operare in un contesto fluido permette di concentrarsi sul raggiungimento dei propri target, permettendo altresì di sviluppare un buon team operativo dotato di canali di comunicazione funzionali ed di un fervente scambio di idee volto a portare a termine velocemente e con più precisione gli obiettivi prefissati. Dal canto suo, però, l’azienda deve impegnarsi a misurare i risultati e la qualità della professione senza focalizzarsi sulle ore trascorse in sede.

V.G.