Fondi europei 2019 per le startup innovative

Si avvicina il bando per il nuovo round di finanziamenti europei a fondo perduto per le startup innovative.

Il bando a sportello offre supporto ai programmi di consolidamento e crescita delle startup, a rafforzamento e integrazione dei progetti di investimento da parte di soci e/o investitori terzi. Un grande incentivo che ben si sposa con programmi di crescita legati a work for equity.

Il bando sostiene la realizzazione di business plan da parte di startup innovative che possiedano il potenziale per effettuare una rapida e significativa penetrazione del mercato europeo.

La misura agisce solo in sinergia con conferimenti di capitale da parte di investitori di diversa tipologia, funzionali alla realizzazione del business plan e di entità almeno pari al contributo richiesto.

Il business plan richiesto

La startup deve presentare un business plan che evidenzi chiaramente:

a) le attività e spese sostenute/da sostenersi con le risorse apportate dagli investitori (“progetto investitori”);

b) le attività e spese per le quali viene richiesta l’agevolazione (“progetto ad aiuto regionale”).

L’agevolazione è concessa ai sensi dell’art. 22 (Aiuti alle imprese in fase di avviamento) del Regolamento (UE) n. 651/2014 e consiste in un contributo a fondo perduto compreso tra 150.000 e 500.000 euro, a copertura fino al 100% dei costi ritenuti ammissibili nell’ambito del “progetto ad aiuto regionale”, parte del business plan.

Chi può presentare domanda?

Possono presentare domanda di agevolazione le piccole imprese che si configurino come startup innovative, iscritte all’apposita Sezione Speciale del Registro delle Imprese, che abbiano superato la fase di esplorazione iniziale/primo avvio e abbiano staff e attività consolidate.

E’ possibile presentare domanda dal 25/09/2019, mentre la scadenza del bando sarà il 30/06/2021.