Auto elettriche o car sharing?

Il 49% degli italiani sarebbe disposto a cambiare la propria auto con una elettrica ma solo se allo stesso prezzo mentre l’88% è favorevole al car-sharing, anche mettendo a disposizione la propria auto.

La necessità di una maggiore attenzione alla sostenibilità ambientale e al risparmio energetico ha portato la ricerca automobilistica nella direzione dell’individuazione e sviluppo delle tecnologie a impatto zero e a basso consumo.

Ma gli italiani quanto sono sensibili a questa esigenza sempre più incombente?
Da un’indagine del Centro Studi e Documentazione Direct Line, nota compagnia di assicurazioni online, emerge che quasi 3 italiani su 10 ancora non conoscono la classe Euro della propria automobile.

Circa la metà degli intervistati (49%) si dichiara favorevole ad acquistare un’auto ecologica, purché di prezzo non superiore a una più inquinante, il 22% sarebbe disposto a spendere solo fino a 1.000 Euro in più, mentre uno su cinque (20%) si dimostra scettico rispetto alla conversione all’elettrico.
Infine il 9% del campione, più attento alle tematiche ambientali, ammette che rinuncerebbe addirittura alle vacanze pur di avere un’auto che inquini meno e che faccia risparmiare al momento del ‘pieno’.

Per quanto riguarda le auto elettriche, il 45% degli italiani dichiara che in caso di acquisto vorrebbe dotarsi anche dell’apparecchiatura per la ricarica, il 22% dividerebbe la spesa con un amico o un vicino di casa mentre il 19% sceglierebbe di risparmiare per poi rivolgersi di volta in volta ai punti di ricarica disponibili.
Infine, un più confuso 14% non ha ancora le idee ben chiare in materia, forse perché le informazioni che sono giunte finora non sono state molto precise.

Un’alternativa attuale è rappresentata dal car-sharing: condividere lo stesso mezzo con più persone per risparmiare e impegnarsi a inquinare meno. Nel complesso il quadro presenta un’opinione diffusa decisamente favorevole al car-sharing, con il 21% degli italiani decisamente favorevole. Solo il 13% è contrario, mentre il 44% degli intervistati sarebbe favorevole ma constata che nella propria zona il car-sharing non è ancora in uso; i rimanenti dichiarano di essere disponibili al car-sharing, ma solo a patto di non mettere a disposizione la propria auto.