Assunzione apprendisti nel 2020, agevolazioni e novità

La Legge di Bilancio introduce uno sgravio contributivo al 100% per tre anni per le piccole imprese che assumono apprendisti nel 2020
apprendisti legge di bilancio 2020 incentivi assunzioneUn nuovo incentivo introdotto con la legge di Bilancio 2020 prevede un’esenzione contributiva al 100% per tre anni destinata alle micro imprese che hanno al massimo nove dipendenti.

L’incentivo per l’assunzione di apprendisti

Si applica alle assunzioni di apprendisti di primo livello per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore. Il contratto di apprendistato deve essere stipulato nel 2020.

L’esenzione contributiva come detto si applica per tre anni. Mentre si conferma l’aliquota del 10% per gli anni successivi. In pratica, le imprese che assumono apprendisti non pagano contributi per tre anni. A partire dal quarto anno, lo sgravio di riduce, applicando un’aliquota contributiva al 10%.

Nelle micro imprese fino a 9 dipendenti, un datore di lavoro può assumere un numero complessivo di apprendisti che non superi il numero dei lavoratori dipendenti.

Per le altre imprese resta confermato lo sgravio contributivo del 50% fino a 36 mesi, che fino al 31 dicembre 2020 con regime transitorio si applica ai giovani alla prima occupazione sino ai 35 anni di età.

Cos’è l’apprendistato

L’apprendistato di primo livello è un tipo di contratto che abbina a un corso di studi periodi di formazione in azienda.

Si applica a giovani dai 15 ai 25 anni, è finalizzato all’ottenimento di un titolo di studio. Dura al massimo tre anni che possono diventare quattro nel caso di diploma professionale quadriennale.

La regolamentazione precisa di questa tipologia di contratto di apprendistato è contenuta nell’articolo 43 del dlgs 81/2015. Si tratta di  una tipologia di contratto che ha consentito di ridurre la disoccupazione. Favorisce l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro