Assunzione agevolata ecco per quali categorie

La Legge di Bilancio ha approvato diverse misure di assunzione agevolata 2020, ecco quali categorie di lavoratori riguardano e cosa prevedono
assunzione agevolata 2020Il 2020 vede l’introduzione di nuovi sgravi contributivi – anche al 100%, della durata variabile – a disposizione di imprenditori e aziende che vogliono assumere disoccupati, apprendisti, lavoratori qualificati, giovani e atlete.
Ecco quali categorie di lavoratori riguardano.

Assunzione personale qualificato

La propoga delle assunzioni agevolate di lavoratori ad alta qualificazione è prevista dal comma 11 della manovra. L’esonero dal versamento dei contributi previdenziali riguarda le assunzioni a tempo indeterminato, anche part-time, di lavoratori con laurea magistrale o dottorato di ricerca. Il titolo deve essere stato ottenuto fra il 2018 e il 30 giugno 2019. Ci sono dei vincoli legati a determinate votazioni o (nel caso del dottorato di ricerca) entro i 34 anni. I contributi non si pagano per 12 mesi, fino a un tetto di 8mila euro.

Assunzione agevolata 2020 di apprendisti

Nelle microimprese fino a nove dipendenti, è prevista l’assunzione agevolata con contratti di apprendistato di primo livello per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore, stipulati nell’anno 2020. In questo caso lo sgravio contributivo è al 100% per tre anni.

Bonus assunzione giovani

Introdotto con la manovra 2018, l’esonero contributivo per gli under 35 è stato confermato. Si tratta di uno sgravio del 50% per 36 mesi e fino a un tetto di 3.000 euro annui. Il provvedimento riguarda i contributi previdenziali a carico del datore di lavoro per le assunzioni con contratto di lavoro dipendente a tempo indeterminato di lavoratori under 35 che rivestono la qualifica di operai, impiegati e quadri. Non devono avere avuto precedenti contratti di lavoro a tempo indeterminato.

Bonus assunzione al Sud

La manovra introduce l’esonero contributivo al 100% fino a un massimo di 8mila euro per 12 mesi, a favore delle imprese operanti nel Sud Italia che assumono lavoratori con contratto di lavoro a tempo indeterminato. Le regioni che possono accedere all’incentivo sono Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia Abruzzo, Molise, Sardegna. Possono essere assunti lavoratori con un’età compresa tra 16 e i 34 anni in stato di disoccupazione e lavoratori con 35 anni di età e oltre, privi di impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi.

Disoccupati e lavoratori in cassa integrazione

L’azienda che vuole assumere un disoccupato avrà diverse opzioni tra le quali scegliere. Se il lavoratore percepisce la Naspi avrà diritto al 20% della disoccupazione ancora non goduta. Gli sgravi contributivi sono del 50% se l’azienda assume una donna non occupata residente nel Mezzogiorno o disoccupati da almeno un anno.
Se si assumono lavoratori in cassa integrazione straordinaria da almeno 3 mesi, lo sgravio contributivo è del 10% per i primi 12 mesi. Mentre per i beneficiari dell’assegno di ricollocazione lo sgravio sale al 50% fino a 4mila euro per 18 mesi.

Imprenditori agricoli

Per promuovere nuove forme di imprenditoria in agricoltura, la Legge di Bilancio 2020 prevede un’importante agevolazione contributiva in favore dei lavoratori agricoli autonomi entro i 40 anni di età. L’esonero contributivo è pari al 100% dell’accredito contributivo presso l’Assicurazione generale obbligatoria (Ago) per l’invalidità, la vecchiaia ed i superstiti (Ivs).