Quanto vale Game of Thrones per HBO?

Game of Thrones è al momento il più popolare show della HBO, la rete TV via cavo americana.

E’ basato sulla serie di libri di George R. R. Martin “Cronache del ghiaccio e del fuoco” – che ormai ritengo resterà incompiuta – e sta finalmente arrivando alla fine, dato che l’ultima stagione chiuderà il 19 maggio.

La serie è una delle più costose mai realizzate, ma quanto fatturato ha portato ad HBO? Per capirlo bisogna guardare un pò di numeri.

Nelle prime cinque stagioni il costo medio di un episodio era 6 milioni di dollari, con gli episodi chiave – di solito il settimo e l’ottavo della stagione – che arrivavano a 8 milioni. In seguito il costo è aumentato di 2 milioni di dollari ad episodio, soprattutto per il costo degli attori coinvolti.

I cinque principali membri del cast (Peter Dinklage, Lena Headey, Nikolaj Coster-Waldau, Kit Harington e Emilia Clarke) guadagnano infatti ora circa 2 milioni ciascuno per episodio. Il loro stipendio base è di 1,1 milioni di dollari per episodio, ma ottengono anche una percentuale dei pagamenti ottenuti ogni volta che lo show viene trasmesso in 170 paesi nel mondo.

Ora veniamo ai ricavi, partendo dagli spettatori.

La settima stagione di game of Thrones ha avuto una media di quasi 2 milioni di spettatori in più per ogni singolo episodio rispetto alla scorsa stagione.

Questi spettatori sono circa il 52% uomini e il 48% donne, il che significa che la HBO – con una serie fantasy! – ha catturato entrambi i cluster demografici.

Con una base di spettatori così massiccia e coerente, HBO ha la certezza di ottenere una buona quantità di profitto anche dopo aver investito milioni di dollari in ogni episodio. Se il suo abbonamento è venduto all’interno di un bouquet premium, HBO ottiene 10 dollari al mese per abbonato.

Nel mese di programmazione di Game of Thrones i suoi 142 milioni di abbonamenti crescono del 3,5% – parliamo di 4 milioni di abbonati che mediamente restano iscritti per 6 mesi.

Inoltre HBO guadagna dal licensing – dalle tazze alle magliette ai giochi – e dagli accordi con le reti televisive di 170 nazioni che secondo stime le riconoscono 1 dollaro per ogni loro abbonato per avere il diritto di ritrasmettere le sue serie.

Questo è nulla rispetto a quello che lo spettacolo guadagnerà una volta terminato.

Dal 2020 HBO potrà diffondere Game of Thrones in syndication, il che significa che lo show sarà trasmesso come replica su più canali per anni, se non decenni.

Questo sarà essenzialmente denaro gratuito e marketing gratuito per HBO, in quanto la serie di Game of Thrones trasmessa all’infinito servirà anche a ricordare agli spettatori i cinque spin-off già annunciati da HBO. Questo è anche il motivo per cui HBO vuole che l’attuale show finisca; vogliono passare alla fase in cui guadagnano miliardi da questo spettacolo spendendo quasi nulla.

Secondo il New York Times, questa serie TV genererà per HBO poco più di $ 1 miliardo all’anno. Mica male, per tre draghi.

HBO / presskit