730, la dichiarazione è sempre più via web

La dichiarazione precompilata nel 2019 raggiunge quota 3,3 milioni

dichiarazione 730Sono stati 3,3 milioni i modelli restituiti tramite il servizio web dai contribuenti, alla scadenza per l’invio del 730, il 23 luglio. Rispetto ai 2,9 milioni di dichiarazioni inviate alla stessa data dello scorso anno, si registra un incremento di circa il 14%.

La dichiarazione senza carta, dal 2015 a oggi

Se si confronta il dato 2019 con quello registrato nel 2015 – anno di avvio in forma sperimentale della dichiarazione “senza carta” – la crescita è di circa il 136%. Aumenta anche il numero di contribuenti che ha restituito il 730 senza apportare alcuna modifica: in 609mila hanno accettato la dichiarazione così come proposta dall’Agenzia, contro i 529mila “no touch” del 2018. Circa 1 miliardo i dati pre-caricati dal Fisco quest’anno (tra informazioni a propria disposizione, inviate da enti esterni e dai datori di lavoro tramite le certificazioni uniche). Mentre, grazie alla versione 2019 del servizio di compilazione assistita, gli utenti hanno potuto fare eventuali modifiche in maniera ancora più semplice e veloce.

La precompilata piace ogni anno di più

Nel dettaglio, sono 3,3 milioni i modelli registrati nei server del partner tecnologico Sogei alla deadline per il 730 precompilato. Ancora quattro mesi, invece, chi presenta il modello Redditi. La scadenza per l’invio, infatti, è fissata al 30 novembre 2019 (che “slitta” al 2 dicembre poiché il 30 novembre è sabato). La precompilata piace sempre più: infatti, da 1,4 milioni di modelli inviati in autonomia nel 2015 si è passati a 2,1 milioni nel 2016, a 2,4 milioni nel 2017 e a 2,9 milioni nel 2018. A 5 anni dall’avvio del progetto (dichiarazioni 2015 su redditi 2014), è quindi più che raddoppiato (+ 135,7%) il numero dei contribuenti italiani che ha scelto il nuovo sistema.

1 miliardo di dati già inseriti dal Fisco per la dichiarazione precompilata

Circa 1 miliardo sono le informazioni precaricate dall’Agenzia per fornire ai contribuenti dichiarazioni più complete e corrette nel 2019. Si tratta dei dati relativi a spese sanitarie sostenute dai cittadini, (comunicati alle Entrate da farmacie, studi medici, cliniche, ospedali), premi assicurativi e certificazioni uniche. Tra i dati precompilati anche quelli relativi a: bonifici per ristrutturazioni (incluse quelle condominiali), interessi passivi, contributi previdenziali e previdenza complementare. New entry 2019: i dati relativi alle spese su parti comuni condominiali che danno diritto al bonus verde e le somme versate dal 1° gennaio 2018 per assicurazioni contro le calamità, stipulate per immobili a uso abitativo.

Le prossime scadenze

Chiusa la “fase 1”, con l’invio del 730 precompilato entro il 23 luglio, la prossima data da segnare è il 25 ottobre. Questo è infatti il termine per presentare, al Caf o professionista abilitato, il 730 integrativo. La stagione dichiarativa 2019 si chiuderà lunedì 2 dicembre. Sarà l’ultimo giorno utile per presentare il modello Redditi precompilato e per inviare il modello Redditi correttivo del 730.